Come funzionano i prestiti ex Inpdap: tutto quello che hai sempre voluto conoscere in merito

I prestiti ex Inpdap sono ancora erogati dall’ente che oggi lo sostituisce: l’Inps. L’ente di previdenza sociale garantisce l’accesso al credito per i dipendenti della pubblica amministrazione. Vediamo ora in questa brevissima guida quali sono i requisiti per l’accesso.

I requisiti

Contratto. Il primo requisito che consente l’accesso ai prestiti Inpdap è il contratto con un ente della pubblica amministrazione a tempo indeterminato. Vengono però analizzate anche alcune situazioni in cui il contratto è a tempo determinato, a patto che la durata sia almeno di 5 anni.

Iscrizione. Il soggetto che fa richiesta per il credito a tasso agevolato dell’INPS, ex Inpdap, deve essere iscritto alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali da almeno 4 anni.

Versamenti. Chi desidera ottenere i prestiti Inpdap deve avere fatto i versamenti al fondo per almeno 4 anni.

Domanda. La presentazione della domanda per avere il finanziamento, deve essere presentata per forza per via telematica, cioè tramite il pc.

Busta paga. L’importo erogato deve avere come garanzia di rimborso la busta paga. Ecco il motivo per cui vien richiesto un contratto a tempo indeterminato, così da avere la certezza che il soggetto beneficiario del prestito abbia entrate per poter ripagare la cifra erogata. L’importo della cifra che viene erogato con i prestiti Inpdap è calcolato con il limite massimo di un quinto della busta paga.

La durata

In base alla durata del prestito, possiamo avere delle diverse tipologie. Il piccolo prestito ha una durata annuale o anche di 2 – 3 o 4 anni. quando la durata è di 5 o 10 anni si tratta di prestiti pluriennali. Infine, ci sono i classici mutui con una durata di 20 – 25 o 30 anni.

Il rimborso

Il rimborso dei prestiti Inpdap avviene tramite la trattenuta del quinto. Significa che il 20% della busta paga viene trattenuta per rimborsare il finanziamento ricevuto. Esistono anche dei sistemi alternativi per il rimborso che possono essere: pagamento di bollettini postali oppure il bonifico bancario.